1° Circuito automobilistico di Varese

Dal Web

LA “VARESE – CAMPO DEI FIORI” IL I° CIRCUITO AUTOMOBILISTICO DI VARESE
Dal 1931 al 1960, dieci edizioni velocistiche della Coppa dei Tre Laghi e Varese – Campo dei Fiori con piloti professionisti e Case ufficiali.
Dal 1990 ad oggi il club Auto Moto Storiche Varese ripropone l’evento in chiave regolaristica.
In una terra, quale il Varesotto, che per oltre cent’anni ha espresso grandi opere nel settore della meccanica e nel design, tra motori e carrozzerie note in tutte il mondo, un grande evento è stato la sintesi di passione, lavoro, sport e successo popolare. E’ la Coppa dei Tre Laghi e Varese – Campo dei Fiori, sorta ad opera di RACI Milano e Automobile Club Varese nel 1931 e di cui si sono disputate dieci edizioni velocistiche, cinque prima e cinque dopo la seconda guerra Mondiale. Un’icona di straordinaria bellezza e grandi imprese, fino al 1960.Quelle dieci edizioni velocistiche della Coppa dei Tre Laghi e Varese – Campo dei Fiori resteranno nella storia: le prime cinque esprimendo temerarietà, ardimento, grande spirito di sfida e sperimentazione. Le ultime cinque, nel dopoguerra, come dimostrazione di sportività estrema, grande cimento agonistico, brillante partecipazione di grandi piloti e raffinati gioielli di Case costruttrici.
Nel giugno 1935, il vincitore fu Gian Maria Cornaggia Medici su Alfa Romeo 8C 2300 che coprì i 10 km della cronoscalata dalla zona Ippodromo al Gran Hotel Campo dei Fiori in 8 minuti 22 secondi e 4 decimi. Dietro di lui altre Alfa: Tito Musso, Gianni Battaglia, Luigi Pages, specialisti delle salite nazionali. Tra i ritirati eccellenti Edoardo Bulgheroni ed Emilio Villoresi entrambi su Fiat 508, traditi dal motore. Nell’estate dello stesso anno, si disputò il 1° Circuito di Varese (21 luglio 1935): lungo 3,4 km. copriva per trenta giri ben 100 km nella zona di Biumo, via René Vanetti e Valle Olona. Folla oceanica e divertita da passaggi e spettacolo. La vittoria andò a Vittorio Belmondo su Alfa Romeo 8C 2600 della scuderia Alfa diretta da Enzo Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *